TEATRO POLITEAMA DI MAROSTICA

TEATRO POLITEAMA DI MAROSTICA

Humanae Genti

dal: 24.09.2021 al 31.10.2021 Veneto Vicenza Marostica


Humanae Genti, al Politeama un viaggio attraverso i canti della Divina Commedia e gli spazi (mai visti) del teatro.
Una speciale produzione di ATS Teatro di Comunità, per pochi spettatori, in replica dal 24 settembre e per ogni week end di ottobre.
Dal 24 settembre e per tutti i week end di ottobre, il Teatro Politeama di Marostica ospita nei suoi diversi spazi Humanae Genti, una produzione speciale di ATS Teatro di Comunità, che accompagnerà gli spettatori in un viaggio attraverso i canti della Divina Commedia, metafora del viaggio che l’umanità ha compiuto in questo periodo di pandemia, nell’isolamento forzato e negli abbracci negati, nei desideri inespressi e nella volontà di uscirne migliori. In occasione di Humanae Genti, a celebrazione dei 700 anni dalla scomparsa del Sommo Poeta, si svolgerà inoltre mercoledì 22 settembre (ore 20.30, Chiesetta San Marco) la conferenza-spettacolo “Luca Signorelli ad Orvieto: le storie degli ultimi giorni” a cura di Mario Guderzo, che permetterà di approfondire l’ambito sociale e culturale di Dante Alighieri (evento esaurito in programmazione a breve sul canale YouTube del Comune di Marostica – Cultura).
L’opera di Signorelli condivide infatti con Humanae Genti le dinamiche del racconto e la plasticità delle figure, in un reciproco rimando.
“Con un po’ di emozione riapriamo le porte del Teatro Politeama per uno spettacolo molto significativo che permetterà agli spettatori di calcare spazi mai aperti al pubblico e messi in sicurezza solo per questa rappresentazione – dichiara il sindaco di Marostica Matteo Mozzo –
Si tratta di uno spazio emblematico, per tanti motivi. Un luogo molto amato dai cittadini e sul quale vertono tante aspettative. Con l’obiettivo di restituirlo presto alla Città, si è lavorato soprattutto sui contenuti, con l’affidamento della gestione ad ATS Teatro di Comunità. Viviamo questo spettacolo come un nuovo inizio”.
“Dante e il Teatro Politeama si incontrano dopo un anno e mezzo di silenzio, che ha costretto enti ed organizzatori a ripensare le modalità di creazione e di fruizione dello spettacolo dal vivo
– commenta Marialuisa Burei, consigliere delegato per il teatro - In questo rivoluzionato contesto, proprio gli artisti sono stati chiamati, con la loro visionarietà, a decifrare i codici di un diverso mondo, accompagnando gli spettatori in un nuovo viaggio. Anche gli attori di Teatris, guidati dalla vulcanica creatività di Maurizio Panici, hanno risposto a questa chiamata della società, mantenendo fede alla missione del nostro Teatro di Comunità, ovvero quella di coinvolgere gli spettatori in una partecipazione attiva e di abitare gli spazi cittadini in modo artistico. Se il ridotto non potrà ospitare gli spettacoli, allora tutto il Teatro Politeama, anche nella sua incompiutezza, sarà illuminato e travolto dalla poesia di Dante. Come spesso succede, è l’arte a segnare la via. E noi saremo ben felici di re-incontrarci, in collaudata sicurezza, nel mondo magico del teatro”.
“Racconto, emozione, realtà. In quattro stanze e un prologo, utilizzeremo i versi di Dante per parlare del mondo di oggi, partendo proprio dall’anno domini 2020 in cui tutto è cambiato – spiega Maurizio Panici che ha curato elaborazione drammaturgica e regia – Diversi linguaggi si incontrano in quello che per lo spettatore sarà un viaggio esperienziale nei luoghi del teatro e dentro se stessi a conferma della vitalità di questo teatro di produzione”.
La Commedia diventa lo specchio perfetto per raccontare il presente: la foresta è stata un labirinto emotivo con cui si sono duramente fatti i conti. Ciascuno ritrovatosi di fronte a se stesso, con le proprie paure, le proprie fragilità ma anche a confronto con il naturale bisogno di tenerezza, con la disperata esigenza di avere relazioni. In questo contesto di difficoltà e isolamento, proprio come il poeta, le persone si sono inventate mondi, e non solo: hanno trovato nuovi modi per restare connessi, hanno cantato insieme per farsi forza. E attraverso questo viaggio non semplice, hanno scoperto mondi nuovi (tutte le opportunità offerte dalla tecnologia, la connessione permanente) e allo stesso tempo si sono scoperte più insicure, più fragili. Fortunatamente, in questo lungo viaggio dantesco, è proprio attraverso le parole della Commedia che si può ritrovare il filo e la ragione di questo esistere, perché è forte il desiderio di tornare “a riveder le stelle”. Un viaggio in un prologo (dedicato ai “tempi del Covid”) e tre quadri, ciascuno dedicato a un episodio significativo della Commedia: con brani dal Canto V dell’Inferno (il canto di Paolo e Francesca), dal XXVI dell’Inferno (con il famoso discorso di Ulisse), e dal XIII del Purgatorio (dove sono puniti gli invidiosi).
“Humanae Genti” è promosso dal Comune di Marostica in collaborazione con Operaestate Festival ed è una produzione ATS Teatro di Comunità (Argot Produzioni, La Piccionaia, Associazione Teatris), con la direzione artistica di Maurizio Panici e la partecipazione di Fabrizio Bernar, Riccardo Cavallin, Denis Dalla Palma, Tobia Rizzato e Francesca Scomparin.
Direttore organizzativo: Pierluigi Cecchin.
Elaborazione video mapping: Davide Stocchero.
Realizzazione scena: Denis Dalla Palma e Riccardo Cavallin.
Costumi: Rosanna Palermo.
Grafiche e DJ set: Nereo Scanagatta.
Direzione tecnica: Alain Furlan/Davide Stocchero.
“Humanae Genti” è in programma al Teatro Politeama di Marostica
venerdì 24, sabato 25 e domenica 26 settembre
e tutti i venerdì, sabato e domenica di ottobre 2021
alle ore 20.30
Biglietti: Intero 10€ / Ridotto 8€ (prenotazione obbligatoria).
Posti limitati (max 15 persone a rappresentazione).
Informazioni: associazioneteatris@gmail.com - tel. 327 5820846

Contatti:

Email

Diniego di responsabiliĆ : le notizie riportate in questa pagina sono state fornite da Enti Pubblici e Privati e, organizzazione eventi e sagre, fiere. Suggeriamo di verificare date, orari e programmi che potrebbero variare, contattando le organizzazioni o visitando il sito ufficiale dell'evento.